Martedì, 30 Gennaio 2018 08:31

Serie D C Calvi Noale-Legnago Salus 1-2

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

CALVI NOALE: Fortin, Zanetti (21’s.t. Rigon), Taddia, Gentina (14’s.t. Zender), Toso, Calcagnotto (39’s.t. Cuzzi),

Fiorica, Bandiera (30’s.t. Vianello), Tonani, Franciosi, Baldrocco (10’s.t Conti). A disposizione: Bordignon, Griggio, Colli. Allenatore: Pianu

LEGNAGO SALUS: Cuoco, Dabo, Pasquino, Marin (22’s.t. Taylor), Parrino, Rizzo, Marchetti (13’s.t. Bodini), Kouame, Peinado (22’s.t. Zanetti), Maiese (10’s.t. Torri), Vita (49’s.t. Mangiapia). A disposizione: Cairola, Matei, Cardamone, Gulinatti,. Allenatore: Spinale

RETI: 6’s.t. Franciosi (rig), 26’s.t. Zanetti, 33’s.t. Vita

Arbitro: Cutrufo di Catania,

Pesante sconfitta casalinga per la CalviNoale nello scontro salvezza contro i veronesi Legnago,  primo tempo davvero povero di idee e di contenuti da parte delle due formazioni che cercano di affrontarsi a ritmi bassi senza rischiare nulla in fase difensiva. La Calvi, a cui il pareggio non può star bene, presenta anche il neo arrivato dal Mestre Gentina, nella ripresa sembra cambiare marcia e infatti fin da subito aumenta il ritmo e la pressione. Quasi come logica conseguenza arriva il calcio di rigore per fallo su Baldrocco contestato dai veronesi, ma la decisione dell'arbitro sembra corretta, dal dischetto Franciosi trasforma portando in vantaggio la squadra noalese. E' un momento buono per i veneziani che hanno anche un paio di occasioni per chiudere la gara sul 2-0, con Fiorica, Taddia e Franciosi. Mister Spinale cambia la formazione con diversi inserimenti soprattutto Bodini e Zanetti sono quelli che incidono sul match, la qualità del primo è l'esperienza del secondo ribaltano il risultato in maniera anche se vogliamo immeritata per la Calvi, tant'è che Bandiera perde un contrasto poco fuori la propria area di rigore vibranti le proteste Noalesi, per il fallo subito dal centrocampista della squadra di mister Pianu, ma per L'arbitro è tutto regolare e Zanetti fulmina Fortin per il gol del pari. La Calvi subisce il contraccolpo psicologico e addirittura patisce il sorpasso a seguito di un amnesia difensiva in cui Vita è tutto solo sul secondo palo e può battere Fortin. La Calvi non ha più l'energia morale e caratteriale per tentare il recupero. Ora la situazione in casa noalese si fa davvero critica, la vittoria con la Virtus Vecomp sembra essere stata un caso isolato e non aver segnato un'inversione di tendenza nel campionato dei biancocelesti. 

ILPIPPOCALCIO - Dal nostro inviato L.P.

Letto 217 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti