Giovedì, 27 Settembre 2018 07:20

Coppa Italia primavera Venezia-Cittadella 4-6 ai calci di rigore

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Allo stadio di Scorzè, Venezia e Cittadella danno vita al primo turno

di Coppa Italia ad eliminazione diretta, si qualifica al turno successivo il Cittadella che supera i calci di rigore la squadra lagunare. I 90 minuti regolamentari erano terminati 0 a 0 mentre i tempi supplementari sono terminati uno a uno. Parte bene il Venezia che mette in difficoltà la difesa ospite con una serie di calci di punizione laterali calciati da Cammozzo sempre molto insidiosi. Il Cittadella reagisce e si fa vivo con Pezzuti  che ha una bellissima occasione, supera anche il portiere Enzo ma al momento di concludere a porta vuota inciampa sbilanciato da un difensore veneziano. La gara si fa più equilibrata ma verso la fine del primo tempo c 'e'  la decisione dell'arbitro che espelle direttamente il numero 8 del Venezia Cataldi. La gara cambia chiaramente fisionomia e Cittadella nella ripresa cerca in tutti i modi la rete della vittoria ma il portiere Enzo si erge a baluardo insuperabile. Venezia comunque tiene bene il campo con grande grinta e generosità si va ai supplementari e il Cittadella passa in vantaggio con Menon  che conclude di potenza da fuori area questa volta Enzo non ci arriva. Nel secondo tempo supplementare il Venezia con grande generosità si butta all'attacco, il Cittadella in contropiede si presenta per ben tre volte solo davanti al portiere lagunare ma l'imprecisione degli avanti granata e la bravura del portiere di casa evita al tracollo, così un po' a sorpresa il Venezia pareggia i due nuovi entrati, ragazzi del 2002 entrambi di colore che confezionano il pareggio Aboubakar ruba palla a Varotto serve Koné che da dentro l'area supera il portiere Rosteghin del Cittadella. Si va ai calci di rigore 5 su 5 per gli ospiti mentre l'errore del mancino Cavalli condanna il Venezia pure autore di una prova di grande generosità.

ILPIPPOCALCIO - Dal nostro inviato G.U.

Letto 130 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti