UCenter - Unica SSD

 Ucenter giornale spinea 19 x135 cm 1  Unica ssd giornale spinea 19 x 7 cm esec 1

Questo sito (blog e forum) NON rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità e NESSUNA società calcistica. NON può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001. I nominativi delle persone e le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse eventuali diritti d'autore o la privacy si prega gli aventi diritto di comunicarlo allo staff del blog che provvederà alla loro pronta rimozione

 

 

Sabato, 30 Marzo 2024 10:21

Promozione D 25^ Robeganese F.S.-Istrana 1964 2-1

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Venerdì Santo, stadio comunale

di Salzano,  Robeganese Fulgor e Istrana si affrontano per il recupero del campionato di promozione. I padroni di casa sono in serie utile dal 2024 e sono alla ricerca di punti per centrare i play-off, mentre i trevigiani cercano di evitare i play out.

I padroni di casa in maglia bianca, sono privi di Sebastiano Da Lio squalificato e alla fine si impongono per 2-1 contro un coriaceo Istrana che approccia meglio la partita, guidato a centrocampo da Andrea Bandiera, capitano classe'86 ex-Calvi Noale e della Robeganese stessa.

Ma il predominio iniziale dei trevigiani, non porta a risultati concreti, anzi è la Robeganese che chiude il primo tempo in vantaggio per 2-0 grazie alle reti di Gianluca Gullotta e di Alessio Bezze che alle fine saranno decisive per la vittoria della squadra di mister Pier Paolo D'este.  

Nella ripresa il mister ospite Diego Calcagnotto, cerca di rivitalizzare la propria compagine inserendo Sari e Zanin, sopratutto il primo assieme a Boldrin emergono con giocate di qualità e in una di queste, il 2001 Mazzocato trova il varco giusto per riaprire la gara. Ma sul risultato di 2-1 la Robeganese riprende in mano le sorti dell'incontro, mantenendo gli avversari lontano dalla propria area di rigore. Solo nel finale l'Istrana prende d'assedio la porta difesa da Giacomo Ballarin, con gli ospiti che cercano il gol del pari con mischie confusionarie, in cui anche il centrale difensivo Matteo Ton, anche per lui un passato sui campi dilettantistici veneti, che funge da ariete nell'area rossoblu.

Il triplice fischio dell'arbitro Maccà di Schio sancisce la vittoria dei padroni di casa che così raggiungono 40 punti in classifica. Amara Pasqua invece per l'Istrana e per Samuel Sari che ha dovuto lasciar il terreno di gioco a pochi minuti dal termine, portato a braccia dai compagni, colpito duro da tergo da Gullotta che nell'occasione è stato ammonito.

ILPIPPOCALCIO - Dal nostro inviato SP  

Letto 706 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti