UCenter - Unica SSD

 Ucenter giornale spinea 19 x135 cm 1  Unica ssd giornale spinea 19 x 7 cm esec 1

Questo sito (blog e forum) NON rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità e NESSUNA società calcistica. NON può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001. I nominativi delle persone e le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse eventuali diritti d'autore o la privacy si prega gli aventi diritto di comunicarlo allo staff del blog che provvederà alla loro pronta rimozione

 

 

Domenica, 05 Novembre 2023 17:57

Eccellenza B 9^ Calvi Noale – Spinea 1966 3-1

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Calvi Noale: 1 Lombardi – 2 Marzocchi

– 3 Lunardon (23 st. 13 Cazzaro) – 4 De Stefani – 5 Leonarduzzi – 6 Gasparini – 7 Bagarotto (30 st 16 Stefani) – 8 Stalla – 9 Boriero (9 st. 20 Pasha) – 10 Coin – 11 Peron (26 st. 18 Fantinato) - A disposizione: 12 Dal Canton – 14 Vedovato – 15 Bellia – 17 Baldan – 19 Marchiori Allenatore Nico Pulzetti

Spinea 1966: 1 Urban – 2 Giovine – 3 Taddia – 4 Porcino (23 st. 16 Coppola) – 5 Zanon – 6 Toso (5 pt. 14 Done)  - 7 Riccato Samuele (23 st. 19 Penzo) – 8 Beniamin (23 st. 15 Manente) – 9 Cendron – 10 Peresin – 11 Bezze  - A disposizione: 12 Keber – 13 Compagno – 17 Petti – 18 Minio – 20 Stangherlin Allenatore Matteo Vianello

Arbitro sig. Vincenzo Oristiano sez. di Perugia

Assistenti: Riccardo Furlan sez. di Chioggia - Nicola Tinazzo sez. di Rovigo

Reti: 33' pt Boriero (C), 37' pt Peron (C), 48' st Cendron (S), 49' st Pasha (C)

Quando un allenatore subentra in corso d'opera spesso si dice che non ha la bacchetta magica, ma sembra che questa volta mister Nico Pulzetti ce l'abbia per davvero. Sicuramente il mister riminese è partito avvantaggiato, conosceva ambiente e la maggioranza dei giocatori, ma dal suo arrivo la Calvi sembra tornata quella dei vecchi tempi, almeno dal punto di vista dei risultati. Un'eliminazione dalla coppa quasi "scientifica" e poi due vittorie di fila, per rilanciarsi in campionato e tornare a divertirsi e far divertire il pubblico noalese.

Il derby contro lo Spinea, pieno zeppo di ex, sia in panchina che in campo, era una partita insidiosa, ma la formazione del presidentissimo Dal Bianco ha interpretato la gara nel migliore dei modi.

Classico schieramento adottato dalla Calvi, squadra aggressiva e volitiva, con gioco rapido e al tempo stesso semplice, mentre lo Spinea si affida a giocatori esperti, come il sempre puntuale portiere Urban, al regista difensivo Zanon che conosce la categoria come le proprie tasche e a centrocampo Gaetano Porcino, che di esperienza ne ha da vendere, anche in categorie superiori, mentre in attacco c'è bomber Bezze veloce e temibile sotto porta.

Sugli spalti una bella cornice di pubblico, con tanto di ultras biancocelesti e gialloblu, in una splendida giornata autunnale, battuta da un forte vento trasversale, che spira da est verso ovest.

La partita è vibrante, con la Calvi che gioca con la "testa libera" mentre i gialloblu rispondono colpo su colpo.    

Le due reti che indirizzano il match, poco dopo la mezzora, nel giro di pochi minuti, le due punte noalesi, schierate oggi da mister Pulzetti, trafiggono Urban, prima il 2005 Boriero e poi ci pensa Filippo Peron.

Nella ripresa costante il forcing spinetense alla ricerca della rete che possa riaprire l'incontro.

Girandola di cambi, da una parte e dall'altra, con Pasha che prende il posto di Boriero prima e poi c'è il rientro di Fantinato per la Calvi, oltre a Cazzaro e Stefani, buttati in campo da Pulzetti, mentre mister Vianello, cerca fantasia nel piede sinistro del 2004 Penzo, ex-giovanili del Padova, con Rocco Donè, noalese doc e Coppola in mezzo al campo.

Nel finale, quasi ormai al tramonto della gara in pieno recupero, Cendron accorcia le distanze battendo in uscita l'ottimo Lombardi, ma subito dopo Pasha ristabilisce le distanze in contropiede, sfruttando l'infortunio di Bezze, che perde palla rinculando lasciando via libera ai noalesi che possono chiudere la gara proprio prima del triplice fischio finale dell'ottimo arbitro Oristanio di Perugia.

La Calvi con 13 punti, sfruttando una classifica sempre cortissima si rilancia, il lavoro per mister Pulzetti non è certo finito, anzi c'è da recuperare una condizione fisica che non sembra ancora ottimale e nel contempo tutti quei giocatori che per un motivo o per l'altro hanno patito guai fisici in questi primi due mesi di campionato.

Lo Spinea, non deve certo abbattersi per questa sconfitta nel derby, ma mister Vianello deve lavorare maggiormente nella fase di finalizzazione, enorme la mole di azioni d'attacco create, ma con poca precisione nell'ultimo passaggio, in più dovrà valutare le condizioni di bomber Bezze, l'infortunio al flessore potrebbe tenerlo fuori dal rettangolo di gioco per qualche settimana.

ILPIPPOCALCIO Dal nostro inviato CI. FI. 

Letto 322 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti