UCenter - Unica SSD

 Ucenter giornale spinea 19 x135 cm 1  Unica ssd giornale spinea 19 x 7 cm esec 1

Questo sito (blog e forum) NON rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità e NESSUNA società calcistica. NON può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07/03/2001. I nominativi delle persone e le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio: qualora il loro uso violasse eventuali diritti d'autore o la privacy si prega gli aventi diritto di comunicarlo allo staff del blog che provvederà alla loro pronta rimozione

 

 

Sabato, 08 Luglio 2023 04:32

L'ultima follia è il contratto tra società e calciatori.......

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

#NOMODIFICA #NOISCRIZIONI

Riportiamo un articolo pubblicato su Sprint e Sport Piemonte, autore CLAUDIO VERRETTO che fa molto riflettere su quello che sta accadendo nel mondo dei dilettanti e che tante società non hanno ancora capito sarà un disastro

#NOMODIFICA #NOISCRIZIONI

Ecco cosa dice l'articolo:

L'ultima follia è il contratto tra società e calciatori che dovrebbe costituirne la guida, roba da extraterrestri. Se esiste un presidente che fa firmare il contratto proposto dalla Federcalcio merita di chiudere a Natale

L'ultima follia riguarda il modulo che la Federcalcio bellamente propone affinché le parti, cioè da una parte le società dilettantistiche, e dall'altra i calciatori, dovrebbero sottoscrivere. Dire che siamo di fronte a un contratto capestro è persino troppo buona come definizione e sostanzialmente per due motivi.

Riforma dello Sport, l'urlo di disperazione dell'ex Serie A: «Calcio giovanile in ginocchio» - Lo sfogo del Direttore Generale della Vis Nova: «Queste nuove norme distruggono i settori giovanili»

Prima cosa perché in quel contratto si fa riferimento a dei contratti collettivi. Ora qualcuno dovrebbe come prima cosa spiegare dove sono questi contratti e da chi sono stati sottoscritti. Se ci sono come prima cosa le società li devono poter leggere e poi chiedere conto a chi li ha sottoscritti. Vale la pena di ricordare che quando si parla di contratti collettivi i soggetti in campo devono essere perlomeno due, che poi in fondo sono le parti in causa, e cioè la parte datoriale, che in questo caso dovrebbe essere la Lega Nazionale Dilettanti o la Federcalcio o il Coni, che comunque non può prendere un impegno senza aver prima sentito la base. Di contro l'Assocalciatori. Bene, dove sono questi accordi? Perché se non ci sono significa che stiamo chiedendo alle società di firmare una cambiale in bianco. Ora va bene trattare le società come "delle coglioncelle" però dovrebbe esserci un limite.

Il secondo caso riguarda il pagamento. Nella modulistica che abbiamo appreso sempre attraverso il sito della Federcalcio parla espressamente che il pagamento va fatto entro il primo del mese. Siamo veramente a Disneyland. Pensare che una società dilettantistica riesca a fare il pagamento il primo del mese è la dimostrazione che chi vive nelle stanze del Palazzo non ha consapevolezza di come funziona il mondo di noi poveri terreni. Il primo del mese, forse qualche giorno prima, va bene per questi miracolati che governano il calcio con la complicità delle società perché sono loro che li hanno eletti. Sono loro che quando il presidente Abete viene alle assemblee e dice, in parole povere, lo avete in quel posto ma questo lo sapete già, non dovete battergli le mani, dovete fargli dei versacci.

Se c'è un presidente che prende quegli accordi deve anche sapere che i pagamenti poi sono tracciati, non si possono fare le buste tra amici, e che se un calciatore lo pagate in ritardo e si vuole liberare vi porta in tribunale. Andate a leggervi le NOIF, c'è l'articolo che espressamente consente di rivolgersi al tribunale ordinario senza dover chiedere l'autorizzazione della Federcalcio. Matti va bene, se siete impazziti allora meritate veramente di chiudere. Quel modulo va buttato nel cestino, e se ci sono dei contratti collettivi che vi stanno tenendo nascosto pretendete che venga pubblicato. E se nei contratti collettivi ci sono scritte quelle cose allora meglio pensarci sopra prima di iscriversi ai campionati. Anche perché va ricordato che il presidente garantisce con il proprio patrimonio.

Ottimo articolo, adesso tocca a chi ha il coltello dalla parte del manico cioè i presidenti di società usare il motto #NOMODIFICA #NOISCRIZIONI

Servirà a qualcosa???

Ecco i modelli della LND riguardanti i contratti dei giocatori CLICCA SOPRA

ILPIPPOCALCIO Red-azione articolo da Sprint e Sport Piemonte

Letto 690 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti