Sabato, 16 Maggio 2020 05:34

Due parole con il Direttore Sportivo dell’ Union Pro Benedetti Marcello

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Oggi scambiamo due parole con il Direttore Sportivo dell’ Union Pro Benedetti Marcello

Ciao Direttore descrivici un po’ il tuo curriculum

Dal 2005 smesso di giocare, ho scelto di fare il Dirigente Sportivo, ho voluto essere sempre il “tra d'union” tra la  Prima squadra  Juniores e anche Allievi per poter così organizzare meglio la crescita dei ragazzi .Tanti oggi giocano tra Serie D e Professionisti.
Ho vinto quasi  tutti i campionati dilettantistici, dalla 2° Categoria alla Serie D. Oltre Ds per LND, dal 2017 ho il patentino da allenatore “UEFA B” e osservatore di I° livello, diciamo che mi sono specializzato nei giovani.

1 Direttore come state tu e la tua famiglia in questo periodo di Covid-19?

Abbastanza bene, come tutti chiusi a casa in quarantena rispettando le regole dateci da chi ci governa, comunque bene per fortuna, purtroppo il mondo è stato colpito da una Pandemia ai più inaspettata, la situazione adesso sembra migliorare speriamo passi presto e che trovino il vaccino in tempi celeri.

2 Ti manca il campo ?

Ti dirò mi manca ovvio, però ho riscoperto cose che prima davo per scontate, essendo sempre in giro per i campi, non avevo il tempo per assaporarle a pieno, invece ora le ho vissute intensamente e ti devo dire che la famiglia è una cosa meravigliosa, anche se il rettangolo verde manca....

3 Come pensi si concluda questa stagione, nel senso ormai non si gioca più secondo te quale soluzione potrebbe prendere il Comitato Regionale Veneto ?

La stagione ormai è conclusa da in bel pezzo, anche se ad oggi manca ancora l'ufficialità. La soluzione, secondo il mio modesto parere, sarebbe quella di neutralizzare il campionato all'ultima giornata giocata (16 febbraio), promuovere la prima in classifica e nessuna retrocessione, stilare una graduatoria di merito in caso di eventuali ripescaggi, però ripeto un mio modestissimo parere, sicuramente il presidente della LND e i presidenti dei comitati regionali avranno una bella patata bollente tra le mani.

4 Direttore Sportivo all’ Union Pro in D e poi sempre in D con il Mestre quali differenze ?

Mi fai una domanda molto difficile da rispondere, il mio cuore è diviso a metà ovvio, Union pro in serie D è stata una cavalcata pazzesca, compiuta in tre anni con due promozioni consecutive un titolo regionale eccellenza e un sesto posto in D, fra i due comuni Mogliano e Preganziol fanno 40.000 abitanti, società gloriosa e con basi solide senza dubbio, che nel tempo ha lavorato molto bene sui giovani e ne ha fatto il suo vanto. Mestre è stato un triennio pieno di emozioni vissute a 1000 all'ora, Mestre è una città che con i paesi limitrofi fa 200.000 abitanti ha un blasone di tutto rispetto ha assaporato il professionismo più volte, uno stadio storico (Il Baracca) una tifoseria speciale alla quale sono molto affezionato, non posso assolutamente fare differenze sopratutto nel mio cuore, sono due società diverse ognuna con le sue caratteristiche ed il suo stile.

5 A Mestre se non sbaglio sei rimasto tre anni e poi promozione in C non sei più rimasto perché?

Si vero tre anni, alla fine del campionato di serie C il presidente Serena ha deciso per il declassamento, sicuramente una decisione non facile da prendere però pienamente condivisibile, d’altronde come dargli torto era diventata una situazione a dir poco paradossale, eravamo praticamente sempre in trasferta, andavamo a giocare a Portogruaro avendo il Baracca non idoneo per la C, non l'ho mai capita sta cosa, fatto sta’ che con il declassamento in eccellenza il presidente ha dovuto attuare dei tagli alla dirigenza facendo altre scelte e io sono ritornato all'Union Pro con la nuova dirigenza che si era appena insediata.

6 Sei ritornato all’ Union Pro un po’ la tua “casa” ?

Come detto prima sono ritornato da dov'ero partito, Union Pro è sicuramente la mia seconda casa essendo arrivato a dicembre del 2008, la sento veramente come la mia famiglia prima con il presidente Gaiba e adesso con il Presidente Lorenzoni.

7 Lo scorso anno avete ricevuto il premio come squadra più giovane dell’ eccellenza ?

Giusto, la società ha fatto un suo stile di vita puntando sul proprio settore giovanile, un progetto partito nel 2009 con il DG Lunian  il Presidente Gaiba e Chinellato come RSG e adesso negli ultimi due anni con il Presidente Lorenzoni il DG Brocca e Funes come RSG, tutta gente altamente competente in materia di giovani, io ho fatto solo l'atto conclusivo portando i nostri giovani in prima squadra. L'anno scorso è stato il coronamento del progetto vincendo il premio giovani, premio che avremmo vinto anche quest'anno visto che alla sospensione eravamo in testa.

8 Naturalmente si sa che lavorare con tanti giovani porta anche dei rischi, come quello di essere nelle zone basse della classifica ma ho notato che anche quest’anno la squadra è giovane ?

Non sempre è così,ogni anno fa storia a se. Gli anni della vittoria dei campionati fino alla D avevamo comunque parecchi Under in rosa, anche l'anno scorso, avendo vinto il premio siamo arrivati comunque 6° in classifica. Vero anche che questa'anno abbiamo incontrato delle difficoltà direi fisiologiche visto la nostra età media molto bassa. Tutte le società hanno imparato a conoscere i nostri giovani e dunque sapevano come fermarci.

9 Programmi futuri, so che hai anche richieste dalla serie D cosa pensi di fare valutare le offerte oppure resti all’ Union Pro ?

Parlare di programmi futuri in questo momento così particolare mi sembra difficile solo pensarci, però bisogna andare avanti e almeno incominciare a preparare la prossima stagione con ottimismo, la serie D è un obbiettivo, che non nego vorrei un giorno poter ritornare a fare, l'anno scorso sono stato veramente vicinissimo poi è saltato proprio sul filo di lana vuoi per la scelta vuoi per il cuore e sono rimasto all'Union Pro molto volentieri, comunque la mia priorità è l'Union Pro certo che i matrimoni si devono fare in due.....

Ringraziamo il Direttore per il tempo che ci ha dedicato

Grazie e speriamo di rivederci presto nei campi da calcio

ILPIPPOCALCIO - Red-azione Pippo

Letto 1283 volte Ultima modifica il Venerdì, 05 Giugno 2020 06:37
Devi effettuare il login per inviare commenti