Mercoledì, 29 Maggio 2019 18:46

Il Pordenone prima volta tra i cadetti rinnova con il Comandante

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Dopo una stagione di C vissuta in testa per 8 mesi il "Comandante" Tesser

porta in serie B il Pordenone  la prima volta nella sua storia. Normale quindi che la società prolunghi il contratto a questo mister che di epiche imprese  ne ha gia concretizzate una su tutte con Novara dalla C alla A in coppia con il mestrino Renosto. Tanto rigore una buone dose di metodo un pizzico di scaramanzia questo e' Attilio Tesser che da calciatore ha indossato le maglie di Montebelluna, Treviso, Napoli, Udinese, Perugia, Catania e Trento. Che avesse la stoffa del Comandante era   chiaro sin dagli inizi della sua carriera di allenatore : Sevegliano , Udinese e Venezia nelle giovanili ma il salto tra i pro non lo smentisce. Bene con Sud Tirol, Triestina, Cagliari ,Ascoli ,Mantova ma soprattutto Novara poi Ternana ed Avellino con la Cremonese e in ultima il Pordenone dove ha centrato quasi un miracolo.

Come spiega Mister  il boom dei Ramarri ?

"Partirei  da diversi fattori complementari : forza della società' sempre presente, la famiglia Lovisa ha competenza ed entusiasmo un progetto chiaro  e non ultimo un gruppo di giocatori che si son messi a disposizione e mi seguivano sin dal primo giorno di raduno. Aggiungerei l'entusiasmo del pubblico e di tutto l'ambiente "

Il Futuro ?

Il futuro lo vedo positivo  anche se la Serie B e' complicata pero i programmi della società sono ottimi  le garanzie tecniche per il futuro sono quello che ho chiesto per questo mi e' parso doveroso e normale prolungare sino al 2021. Inoltre il rapporto coi giocatori e' ottimo e andare in Serie B  con un gruppo che hai creato e' fantastico "

Noi siamo ben felici   di raccontare di questo Veneto di Montebelluna  che dove e' andato ha  fatto solo che bene, siamo convinti che ci ritroveremo più avanti per commentare i successi del giocattolo sapientemente messo a punto da "Comandante " Forza ramarri

ILPIPPOCALCIO – Red-azione

Letto 180 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti