Martedì, 02 Ottobre 2018 05:59

Serie D San Donà-Clodiense 0-0

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Allo stadio Zanutto, San Dona’ e Clodiense si affrontano per il derby

veneziano di serie D che termina 0-0, entrambe le squadre senza ultras per le note vicende. Il San Donà scende in campo con Colonna tra i pali e con Bordignon che si accomoda in panca, in difesa Montin, Zanella e Michelon a centrocampo l'ex Calvi e Este Ludovico Longato e lo sloveno di Nova Gorica Kris Jogan di punta, con Sebastiano Aperi in campo solo nella ripresa. Clodiense che scende in campo con il 4-3-3, ancora assente Nappello ai box per guai muscolari, mentre mister Mattiazzi schiera dal primo minuto il ghanese Leveh, tra i pali Camerlengo, difesa con Bagarolo, Ballarin, Cuomo e Scandilori, a centrocampo Arvia davanti alla difesa, Abrefah e Pellizer mezzali, Farinazzo e Barone esterni d’attacco, mentre Leveh fa il terminale offensivo.

Parte meglio la Clodiense ma le conclusioni di Farinazzo e Arvia  non sortiscono effetto, mentre i padroni di casa faticano a prender in mano le redini dell’incontro, anche se Longato si da molto da fare. Il portiere del San Dona’ Colonna fa sempre buona guardia e il primo tempo termina a reti bianche senza grandi occasioni, ma tanta intensità e pochi spazi per le giocate. Da segnalare che Leveh al 40’ deve abbandonare il campo, al suo posto dentro Bullo.

Nella ripresa la squadra di mister Soncin, si fa piu’ intraprendente e costringe la retroguardia chioggiotta a non abbassare la concentrazione. Clodiense pericolosa con Barone e poi con Martino, subentrato a Farinazzo, la cui conclusione termina sul fondo. Quasi allo scadere l’occasione migliore del match capita a Mortati che solo davanti a Camerlengo si fa respingere il tiro dal portiere granata, che salva la propria porta con il piede. Soncin (nella foto) nel finale mette dentro Piovesan per un esausto Mortati. Finisce cosi’ 0-0 l’atteso derby veneziano con il San Dona’ che deve ancora rinviare la prima vittoria in campionato.

ILPIPPOCALCIO - Dal nostro inviato S.P.

Letto 93 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti